Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10419/159510
Authors: 
Gattei, Giorgio
Gozzi, Giancarlo
Year of Publication: 
2009
Series/Report no.: 
Quaderni - Working Paper DSE 669
Abstract: 
La congettura che qui si propone è che in Produzione di merci Sraffa abbia inteso ripristinare il programma analitico, proprio degli economisti classici, di una teoria del valore-lavoro, superando il fallimento provocato dalla esplicita considerazione dei beni-capitali che ha reso impossibile la "riduzione" dei prezzi di produzione a valori-lavoro mediante misura del "lavoro morto" in essi contenuto. La congettura è condotta in tre momenti successivi. Anzitutto si ricostruisce il paradigma del valore-lavoro dei classici per mostrare come esso fosse rigorosamente esatto nel caso di una produzione "a solo lavoro". In seguito si mostra come Sraffa avrebbe potuto operare per fondare un'analisi altrettanto rigorosa del valore-lavoro nonostante la presenza dei beni-capitali sulla base del punto di vista del prodotto netto complessivo per imputare al valore monetario di questo il solo "lavoro vivo" (equazione di neo-valore). Infine si suggerisce che Sraffa potrebbe essersi mosso proprio nella direzione di cui sopra, come sembrano alludere i suoi appunti di lavoro che progressivamente vengono alla luce. La conclusione della congettura è che, comunque giudicasse Sraffa (cosa che, al momento, è argomento opinabile), Produzione di merci può essere letta anche come la diretta prosecuzione della teoria del valore-lavoro degli economisti classici che risolve la difficoltà provocata dalla presenza dei beni-capitali impossibili a ridursi rigorosamente a quantità di "lavoro morto".
Persistent Identifier of the first edition: 
Creative Commons License: 
https://creativecommons.org/licenses/by-nc/3.0/
Document Type: 
Working Paper

Files in This Item:
File
Size
172.55 kB





Items in EconStor are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.