Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10419/159205
Authors: 
Montini, Anna
Year of Publication: 
1999
Series/Report no.: 
Quaderni - Working Paper DSE 364
Abstract: 
In questo lavoro si analizzano i comportamenti di spesa delle famiglie italiane in riferimento, in particolare, ai consumi alimentari extradomestici. I "pasti e consumazioni fuori casa" hanno assunto negli ultimi anni una maggiore importanza se valutati rispetto alla spesa alimentare complessiva la quale, a fronte di un generale innalzamento del benessere, vede ridurre la propria quota sul consumo totale. Le ragioni del mutamento della struttura interna al consumo alimentare complessivo vanno ricercate nei cambiamenti nella struttura settoriale dell'occupazione, nella maggiore partecipazione delle donne nella forza lavoro ed anche nel significato culturale assunto dal pasto fuori casa. L'utilizzo dei dati individuali di spesa, del campione dell'indagine annuale ISTAT sui consumi delle famiglie (ca. 22.000 famiglie nel 1996), ha permesso la formulazione di un modello microeconomico modellizzando la decisione di spesa, in base anche ai più recenti contributi in letteratura, come un processo decisionale a due stadi. In questo modo è possibile analizzare l'influenza delle caratteristiche socio-economiche delle famiglie sia sullo stadio di decisione della partecipazione alla spesa sia sullo stadio di decisione del livello di spesa.
Persistent Identifier of the first edition: 
Creative Commons License: 
https://creativecommons.org/licenses/by-nc/3.0/
Document Type: 
Working Paper

Files in This Item:
File
Size
216.05 kB





Items in EconStor are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.