Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10419/158972
Authors: 
Toso, Stefano
Year of Publication: 
1992
Series/Report no.: 
Quaderni - Working Paper DSE 129
Abstract: 
La teoria della misurazione della disuguaglianza ha subito nuovi importanti impulsi negli ultimi venti anni in seguito all'impiego, mutuato dalla teoria delle scelte in condizioni di incertezza, delle condizioni di dominanza stocastica. L'approccio perseguito è quello del confronto, in termini di benessere sociale, tra diverse distribuzioni di reddito sulla base di un criterio di ordinamento parziale. Tale impostazione si contrappone a quella assiomatica in quanto non implica l'adesione ad alcuna specifica misura sintetica della disuguaglianza nè quindi ad un giudizio di valore particolare, non necessariamente condiviso, in tema di equity. In questo lavoro si intende ripercorrere in modo sistematico tale recente filone della letteratura, che si fonda sul criterio di dominanza di Lorenz e su ulteriori estensioni teoriche, quali la dominanza generalizzata e quella generalizzata e sequenziale.
Persistent Identifier of the first edition: 
Creative Commons License: 
https://creativecommons.org/licenses/by-nc/3.0/
Document Type: 
Working Paper

Files in This Item:
File
Size
277.77 kB





Items in EconStor are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.